NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

  • 63° corso di tecnica

    63° corso di tecnica

    TRIESTE 08-16 LUGLIO 2017

    “L’esperienza del corso è stata coinvolgente dal lato umano, un accumulo di competenze da sviluppare nel...

  • Esami 2012

    Esami 2012

    11/16 settembre 2012

    Dal 11 al 16 settembre 2012 si sono svolti gli Esami di Accertamento per INS e IS di Speleologia, la verifica è...

Giuseppe Novelli ci ha lasciati

Scritto Venerdì, 21 Luglio 2017 da Patrizia Diani nella categoria News

Istruttore Emerito, da tutti conosciuto come l'esperto di calchi

Giuseppe Novelli

Ricevo da Nico Bocchio e; sai pure in ritardo, condivido:

Il 31 maggio 2017 è mancato Giuseppe Novelli, una delle colonne portanti del “Gruppo Speleologico Bolzaneto”, prima Istruttore Nazionale, poi Emerito.

Era un personaggio eclettico i cui interessi spaziavano dalla tecnica all'archeologia.

Nonostante i giorni passati dalla sua scomparsa non riesco a scrivere nulla: la realtà è che penso solo alla scomparsa di un amico, che è stato prima un maestro, poi un compagno di tanti momenti indimenticabili sia speleologici che di vita.

Preferisco così chiedere aiuto a Franco Repetto che come e più di me ha condiviso esperienze e amicizia con lui.

Mi dicono: scrivi due righe per Novelli. E all'improvviso un bombardamento di ricordi mi costringe nel vicolo cieco delle parole di circostanza perché il soggetto non è una persona qualunque.

No, non scriverò nulla su "Nove" degli anni magici del nostro Gruppo di Bolzaneto. Anche se la memoria corre d'istinto alla piena del Corchia, al salvataggio sul pozzo da 210 del Saragato o alla prima spedizione extra europea di un gruppo italiano in terra d'Africa a conquistare il fondo dell'Anou Bussoil.

No, mi è proprio impossibile, finirei nella retorica anche perché, spesso, ci siamo fronteggiati nella reciproca convinzione di avere ragione e, il suo carisma e il suo carattere "dritto alla meta”, non era dei più facili.

Ma oggi è un giorno speciale. E mentre il tuo feretro esce dalla chiesa (chissà quant'era che non andavi in chiesa) e, attorno all'auto dell'ultimo viaggio, si attardano parenti e amici, riconosco la tua giovane figlia in lacrime.

E allora mi viene spontaneo un pensiero che è facile solo ad una certa età:

 

"Caro Nove, fra le tante cose che hai fatto in vita, e mettiamocele tutte, nella filiera che è il bagaglio di ognuno di noi, c'è quella di padre. Una giovane figlia in lacrime al funerale del padre può essere la regola, ma le sue parole, che sento uscire dal più profondo del cuore: “voglio sapere tutto di mio padre" mischiano il tuo affetto con qualche cosa di incompiuto."

 

Se fosse mai possibile vivere ancora un po' dopo la morte, sono sicuro che quei brevi momenti che mi hanno profondamente commosso, ti ripagherebbero di una serenità che non ti è mai stata troppo amica.

Nico e Franco

Valuta questa notizia

5.0/5 di voti (7 voti)

Condividi


Commenti

blog comments powered by Disqus

Gadget SNS CAI

  • La scoperta del mondo sotterraneo 2
  • Grotte della Grigna e del Lecchese
  • Resistenza dei materiali speleo-alpinistici
  • Maglietta
  • Lombardia dentro
  • Speleogenesi
  • I materiali per alpinismo e le relative norme
  • La scoperta del mondo sotterraneo 1
  • Manuale di Speleologia